• DSCN1362 mod
  • DSCN1367 mod
  • DSCN1372 mod
  • DSCN1385 mod
  • DSCN1396 mod
  • DSCN1398 mod

Ramona e Alice: storie di speranza e normalità ritrovata

Libertà Quotidiano di Piacenza, 26 marzo 2013, Parab.

Ramona è piacentina, ha 27 anni e da sei è mamma di una bella bambina di nome Dafne. Alice invece di anni ne ha trentasei, viene da Livorno e da un anno è la mamma di Samuele.

Alle spalle hanno storie diverse, ma ad accomunarle sono due cose: l'essere madri e soprattutto ospiti del centro "Le querce di Mamre" di Borgotrebbia dalla scorsa estate. "Per me la presenza di questo centro è stata importantissima perché ha significato ricominciare una nuova vita" ha spiegato Ramona, "si è trattato di avere una nuova speranza e di riuscire a crescere mia figlia con più serenità". A farle eco è Alice: "Vivo a Piacenza da dieci anni, ma di fatto sono sola" ha dichiarato, "le uniche persone che mi hanno aiutato sono stati i volontari delle "Querce di Mamre": sono stati i soli a darmi una mano e una nuova possibilità di vivere". Alla base c'è una storia comune di solitudine, di istituzioni e società sentite lontane e mai davvero partecipi, ma anche di speranze e di timori per il futuro: "Prima o poi ovviamente dovremo renderci più "indipendenti" da questa realtà" hanno spiegato, "e la cosa fa un po' paura: ma l'idea è quella di restare comunque vicino alle persone che ci vogliono bene, a Borgotrebbia. Qui ci hanno accettato, hanno avuto fiducia in noi senza quasi conoscerci, ci hanno dato un aiuto importante: ora è difficile allontanarsi da tutto questo. È un'esperienza, quella delle "Querce di Mamre", che ci resterà sempre nel cuore".

icona pdf piccola